I mestieri che sfidano la crisi, l’assessora Giachi presenta in Regione l’esperienza del Cfp

 In Notizie

Scuola addio, o forse arrivederci. Negli ultimi anni centinaia di giovani fiorentini (e di loro coetanei in Toscana) hanno preso il  sogno dei genitori che li avrebbero voluti prima diplomati e poi architetti, notai, avvocati, ingegneri o commercialisti, e lo hanno riposto nel cassetto. Ma a Firenze oltre 400 studenti che hanno abbandonato la scuola frequentano ora i due centri di formazione del Comune con ottime possibilità di ottenere subito un’occupazione.
Lo ha ricordato l’assessora all’educazione Cristina Giachi che questa mattina, alla Sala delle Feste del consiglio regionale, ha partecipato al seminario ‘L’istruzione, la formazione, gli abbandoni scolastici: idee per un progetto condiviso tra scuola ed agenzie del territorio’.
La formazione professionale, che riguarda sia giovani in obbligo scolastico che gli adulti – ha sottolineato l’assessora all’educazione – è un vanto del Comune di Firenze. La nostra amministrazione è l’unica che, in Toscana, ha mantenuto strutture come il Centro di formazione professionale che altri enti pubblici, invece, hanno abolito».
Lo scorso febbraio 80 giovani del Cfp, settore ristorazione e turismo, si sono diplomati ottenendo la qualifica per cuoco e addetto sala bar. Il corso di 2100 ore (con 600 ore di stage), ha visto alternarsi la  pratica sui fornelli e al bancone del bar alle lezioni di igiene, merceologia e nutrizione, lingue straniere, cultura del lavoro e dell’impresa oltre, anche, ad un insieme di discipline che ne hanno completato il percorso formativo.
«Questi corsi – ha sottolineato l’assessora Giachi – rappresentano una risposta in più al grave problema della disoccupazione: il 70% dei partecipanti trova, nell’arco dei primi sei mesi dalla fine del corso, una occupazione nel settore, trattenuti, molto spesso, là dove hanno svolto il loro periodo di stage».

Recent Posts

Leave a Comment

Scrivimi!

Hai un consiglio, un suggerimento, una richiesta da farmi? Scrivimi!

Not readable? Change text.