Notte Blu, dall’8 al 10 maggio spettacoli, mostre e workshop a Le Murate

 In Varie

Musica. Ma anche mostre fotografiche, incontri, workshop e persino mercatini equosolidali. Questo il ricco calendario della Notte Blu a Firenze, che dall’8 al 10 maggio tornerà per una nuova edizione al complesso delle Murate.
L’occasione è la ricorrenza della dichiarazione Schuman, il discorso che l’allora ministro degli Esteri francese Robert Schuman fece il  9 maggio 1950 per proporre la creazione di una Comunità europea del carbone e dell’acciaio.
Per tre giorni, dunque, l’ex carcere di Firenze diventerà una piccola cittadella dove fare il punto sul processo di integrazione europea.
Il programma è stato illustrato questa mattina, nella Sala degli Elementi di Palazzo Vecchio, dall’assessora alle politiche europee Cristina Giachi intervenuta durante la presentazione de ‘The State of the Union’ organizzato dall’European University Institute (Eui) che prenderà il via domani a Firenze.
Ad organizzare gli eventi Europe Direct Firenze, l’ufficio dell’assessorato alle politiche europee, con il supporto del Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights Europe, l’Incubatore del Parco Tecnologico delle Murate, l’associazione Muse, il Caffè Letterario, lo sportello EcoEquo, la casa editrice Nardini ed il consolato di Croazia.
Oltre 45 gli eventi che sono in programma, bambini, giovani e adulti potranno farsi coinvolgere in qualità di cittadini europei nella tre giorni di appuntamenti.
Tra le iniziative la presentazione (alle 16.30 di sabato 10 maggio alla libreria Nardini in via delle Vecchie Carceri) del libro “Dipinta di Blu. Brevi note sull’Europa presente” di Massimo Palumbo, funzionario della commissione affari economici e monetari del Parlamento europeo Il titolo del libro allude non solo alla bandiera, simbolo dell’Unione europea, ma anche al brano musicale ‘Nel blu dipinto di blu’, di Domenico Modugno, che vinse il Festival di Sanremo del 1958, anno in cui entrò in vigore il Trattato di Roma che istituì la Comunità economica europea e che ha rappresentato un momento di grande crescita per l’Europa, oltre che di sviluppo e di progresso per l’Italia.  Nel suo saggio Palumbo ci spiega come solo «un’Europa sensata, ovvero giusta, coesa,pluralista», possa contribuire «a creare una sana coscienza europea, che dia senso all’Europa, definendone una chiara direzione di marcia». Saranno presenti l’autore, l’assessora alle politiche europee Cristina Giachi e la docente Caterina Paolucci della James Madison University. Paola Pannia leggerà alcuni brani del libro.
In programma anche ‘Marakanda-Mercati storici del Mediterraneo’ (giovedì 8 maggio dalle 10 alle 18 alla presso la Sala delle Vetrate in Piazza Madonna della Neve), progetto europeo nel quale il Comune di Firenze è capofila in collaborazione con 9 partner del Mediterraneo; ‘Dialogue cafè’(venerdi 9 maggio dalle 16 alle 18 alla Sala degli Archi del RFK Center for Justice and Human Rights Europe), una video-conferenza che metterà in contatto molte città europee tra di loro sul tema ‘innovazione digitale nelle scuole: un confronto tra modelli e buone pratiche; ‘We are europeans’ (venerdì 9 maggio alle 18 alla Galleria del Caffè Letterario), diretta radiofonica sulle elezioni europee 2014 curata dall’emittente Controradio. I candidati dei partiti che si presenteranno alle elezioni per  il rinnovo del  Parlamento Europeo risponderanno  anche alle domande di un selezionato gruppo di giovani under  25;
‘L’importanza della conservazione del patrimonio:dalla formazione al lavoro, dall’Italia all’Europa’ (sabato 10 maggio dalle 10 alle 18 alla la Sala delle Vetrate del SUC, in piazza del Le Murate), giornata di studi sui temi della formazione e del lavoro nel campo della conservazione dei beni culturali, ponendo al centro dell’attenzione la situazione italiana in relazione a quella europea.
La Croazia, infine, sarà ospite d’onore a Le Murate. Sabato 10 maggio (dalle 10 alle 11.30 alla Sala delle Vetrate) si terranno due convegni: 9Tra argento, grano e panni. I rapporti commerciali e finanziari tra la Toscana e Ragusa (Dubrovnik) nella prima metà del Quattrocento’ (relatrice la professoressa Paola Pinelli) e ‘I croati: storia, cultura e lingue dalle origini ai nostri giorni’ durante il quale la dottoressa Vlatka Gott affronterà l’evoluzione storica e linguistica del popolo croato.
Informazioni su: http://lanotteblu.unimap.eu/

Recent Posts

Leave a Comment

Scrivimi!

Hai un consiglio, un suggerimento, una richiesta da farmi? Scrivimi!

Not readable? Change text.