Skip links

Carnevale, dopo più di 100 anni Firenze torna a celebrarlo

Dopo più di un secolo torna a Firenze l’antica tradizione del Carnevale con due appuntamenti: il 21 febbraio Palazzo Vecchio ospiterà una cena di gala che vuole essere anche un tributo alla città di Venezia (colpita dall’acqua alta del 12 novembre scorso) e il 22 febbraio ci sarà una parata con partenza da piazza Santa Maria Novella e arrivo in piazza della Signoria. “Avevamo perso questa tradizione – ha spiegato la vicesindaca Cristina Giachi – e ora la ritroviamo. É un modo per riscoprire una tradizione popolare molto sentita”. In una conferenza stampa a Palazzo Vecchio è stato spiegato che la serata del 21 febbraio servirà anche a raccogliere fondi attraverso un’asta benefica: il ricavato andrà alla Biblioteca nazionale Marciana di Venezia. Gli organizzatori dell’evento sono Aiwa onlus, insieme a Gruppo Editoriale e Once extraordinary events: l’iniziativa, voluta dal Comune di Firenze, è inoltre patrocinata da Regione Toscana, presidenza del Consiglio regionale, Città metropolitana, Confcommercio ed è realizzata con il contributo della Camera di commercio di Firenze”.
“Il periodo del Carnevale – ha aggiunto la vicesindaca – rappresenta l’alternanza che c’è nella vita tra i momenti più leggeri, quelli nei quali ci si abbandona ai piaceri della convivialità, del far festa e dello scherzare, e quelli più seri che richiedono impegno e profondità. É bello tornare a sottolineare questa alternanza, riaffermare che il tempo non è piatto e non c’è soltanto una frenesia stressante e continua. Nella nostra vita ci sono tutti questi momenti ed è giusto anche poterli rappresentare plasticamente”. “Sono molti gli elementi di orgoglio di questa festa – ha concluso – c’è il gemellaggio con i Carnevali più importanti d’Italia ma anche l’intenzione di aiutare realtà bisognose di assistenza come la biblioteca Marciana di Venezia danneggiata dall’acqua alta dello scorso novembre”.