Skip links

Mostre: gli occhi degli infermieri negli scatti di Sestini

Il Coronavirus visto attraverso gli occhi degli infermieri del più antico ospedale del mondo, Santa Maria Nuova, nel centro di Firenze, in occasione del 732° anno di vita della struttura. E’ la mostra fotografica – con 34 stampe di grandi dimensioni – curata dal fotoreporter Massimo Sestini, inaugurata oggi all’interno dell’ospedale e allestita fino a dicembre. Immagini che diventano multimediali con un gioco di tecnologia che permetterà di vedere le foto di Sestini anche nella sala d’Arme di Palazzo Vecchio fino al 5 luglio. Sono tre le sezioni che compongono la mostra: la prima (17 immagini) è un reportage in un cui si descrive il lavoro degli infermieri in tutte le sezioni dell’ospedale, la seconda è composta da due foto orizzontali (ciascuna di due metri per un metro) che ritraggono su sfondo nero due gruppi di infemieri con la faccia protetta dalla mascherina. Nell’ultima sezione (15 foto) sono stati fatti ritratti individuali, con volti scoperti e nessun nome perché, come spiegato da Sestini, “le immagini parlano da sole”. Per realizzare la mostra il fotoreporter ha trascorso cinque giorni e cinque notti nei reparti Covid dell’ospedale.
“Se una cosa il Covid ci ha insegnato è il valore dell’indispensabile – ha sottolineato la vicesindaca Cristina Giachi che ha partecipato all’inaugurazione – e indispensabili sono loro, infermieri, medici che si prendono cura, si emozionano, e ci parlano del nostro essere umani. Massimo Sestini li ha ritratti, come sa fare lui, in modo magistrale”.